Covid, Giani: "Oggi 149 comuni toscani senza contagi"

Rufina Vignone
Dicembre 2, 2020

Prosegue in Toscana la discesa della curva dei contagi: oggi i dati regionali parlano di 658 casi in più rispetto a ieri - totale complessivo, da inizio epidemia, è 104.099 unità - con un'incidenza dei positivi rispetto ai tamponi eseguiti - 9.801 - al 6,7% positivo.

Restare solo una settimana in zona arancione e poi passare subito in fascia gialla, senza attendere i canonici 14 giorni previsti dall'attuale Dpcm: è il desiderio del presidente della Regione Toscana Eugenio Giani che confida nel prossimo Dpcm che andrà a sostituire l'attuale in scadenza il 3 dicembre, e che, auspica il governatore, potrebbe introdurre la possibilità di 'velocizzare´ il tempo stabilito per il passaggio tra i colori. "Dall'inizio dell'emergenza - scrive Giani nel post - lavorano senza sosta con turni logoranti per dare il massimo nella lotta al virus. Siamo fieri delle donne e uomini che ogni giorno e notte salgono sulle ambulanze e auto mediche, a loro va il nostro più grande ringraziamento".

L'età media dei 908 casi odierni è di 48 anni circa (l'11% ha meno di 20 anni, il 26% tra 20 e 39 anni, il 33% tra 40 e 59 anni, il 20% tra 60 e 79 anni, il 10% ha 80 anni o più). Gli attualmente positivi sono oggi 43.544, -3,4% rispetto a ieri.

Oggi si registrano 66 nuovi decessi: 34 uomini e 32 donne con un'età media di 85,1 anni. Per altri 7 si attende la risposta del tampone. "Un qualcosa che e' servita ad isolare i contagiati, e che ha portato quest'oggi a 654 nuovi contagi in Toscana rispetto a quando un mese e mezzo fa abbiamo avuto per due giorni consecutivi punte di 2.700 casi". Sono 437, quindi, i casi riscontrati oggi nell'Asl Centro (somma delle province di Firenze, Prato, Pistoia), 541 nella Nord Ovest (Massa Carrara, Lucca, Pisa, Livorno), 139 nella Sud est (Arezzo, Siena, Grosseto).

Complessivamente, 40.164 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (1.512 in meno rispetto a ieri, meno 3,6%). Le province di notifica con il tasso più alto sono Prato con 3.544 casi x100.000 abitanti, Pisa con 3.435, Massa Carrara con 3.365, la più bassa Siena con 1.574. Relativamente alla provincia di residenza, le persone decedute sono: 5 a Firenze, 3 a Prato, 2 a Pistoia, 9 a Massa Carrara, 4 a Pisa, 4 a Livorno, 1 a Arezzo, 3 a Siena, 1 a Grosseto. Un altro segnale positivo è la lenta discesa dei pazienti Covid ricoverati: 1.868 (4 in meno rispetto a sabato), di cui 278 in terapia intensiva (1 in meno).

Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 71,7 x100.000 residenti contro il 92,1 x100.000 della media italiana (10° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (153,9 x100.000), Firenze (95,3 x100.000) e Pistoia (69,1 x100.000), il più basso a Grosseto (27,5 x100.000).

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE