Calabria, Miozzo non sarà commissario alla Salute: salta la nomina

Barsaba Taglieri
Novembre 30, 2020

"Un uomo delle istituzioni", come l'ha definito il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.

Il Premier Giuseppe Conte ha appena annunciato su Facebook, con un post, il nome del nuovo commissario per la sanità in Calabria. Sempre nello stesso anno, viene assegnato alla Questura di Reggio Calabria con l'incarico di dirigere una Sezione della locale Squadra Mobile, successivamente, sempre della locale Squadra Mobile, ricopre l'incarico di Dirigente della Sezione omicidi, coordinando importantissime operazioni di rilievo internazionale.

In ballo per la gestione della sanità in Calabria ci sono miliardi di euro, non noccioline. Lo ha detto il neo commissario alla Sanità in Calabria, Guido Longo, in collegamento con Titolo V su Rai3. E prefetto a Vibo Valentia dal 2017 al 2018. Non possiamo dirlo prima di averlo visto all'opera, sicuramente, se lo riterrà opportuno (è anche un nostro auspicio) potrà avvalersi dell'esperienza di una grande figura che è già opera in Calabria, Gino Strada. I risultati più brillanti li ha raggiunti, in particolare, come questore di Caserta, incarico durante il quale ha ingaggiato una dura lotta contro il clan dei "casalesi", con l'arresto, tra l'altro, del capo assoluto del gruppo, Francesco Schiavone, detto "Sandokan". In particolare Miozzo, in pensione, aveva chiesto il ritorno in servizio ed è proprio su questo che la pratica si è arenata.

Riepilogando l'intricata successione di commissari caduti e bruciati emerge la frizione decisionale di un governo che ha contribuito ad aggravare le criticità di una regione problematica. Dopo Zuccatelli è stata la volta di Eugenio Gaudio, ex rettore della Sapienza, che neanche 24 ore dopo la nomina ha rinunciato all'incarico per motivi personali.

"Grosso modo so in cosa sto mettendo le mani, ci sono problematiche molto molto importanti", del resto "mai avuto incarichi facili, sono abituato a queste tipologie di incarichi".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE