AstraZeneca sotto attacco hacker: rubati dati sul vaccino anti-Covid

Paterniano Del Favero
Novembre 30, 2020

Lunedì AstraZeneca ha pubblicato i risultati provvisori del suo preparato anti-Covid, che mostra due diversi livelli di efficacia a seconda del regime di dosaggio. Ciò premesso, quello che non mi aiuta ad avere una idea precisa e netta sull'immediata diffusione del vaccino, sono i tanti pareri discordanti di illustri virologi, ad esempio Andrea Crisanti, che nella bolgia mediatica che si genera su qualsiasi argomento, anche di primaria importanza, ha espresso sue perplessità sulla brevità del tempo utilizzato per testare lo stesso vaccino e quindi i criteri di sicurezza ed efficacia. In cui sono stati osservati diversi effetti del vaccino. Il parere di Yeadon ha un certo peso, in quanto il medico è un esperto di biochimica e tossicologia, vanta un dottorato di ricerca in farmacologia respiratoria e un'esperienza ultra-trentennale in ambito farmaceutico e, soprattutto, è ex dirigente e Chief Scientist di Pfizer, l'azienda che sta già lavorando alla distribuzione verso l'Europa del controverso vaccino realizzato assieme a Biontech.

Alla luce di queste considerazioni, è molto probabile che il file Le autorità americane non danno l'ok per uso di emergenza, sapendo che è stata offerta solo la quantità ottimale poco più di 2mila utenti, a numero davvero troppo piccolo per poter promuovere un nuovo farmaco. Tuttavia, la società ha chiarito che il vaccino era meno efficace su coloro che assumevano dosi complete. Mentre quelli a basse dosi, il vaccino 90 è stato efficace fino alla percentuale.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE