Apple: acqua danneggia iPhone, sanzione 10mln Antitrust - Primopiano

Geronimo Vena
Novembre 30, 2020

L'azienda avrebbe dovuto specificare, secondo l'AGCM, anche le diverse condizioni entro cui gli smartphone della Mela avrebbero potuto resistere alle sollecitazioni indicate nelle pubblicità.

L'AGCM, l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, ha comunicato di aver multato Apple per 10 milioni di euro per due distinte "pratiche commerciali ingannevoli e aggressive".

Secondo l'Autorità non era infatti chiaro che detta resistenza vale solo in determinate condizioni (i test di laboratorio sono condotti con acqua statica e pura, e non certo al mare).

I modelli pubblicizzati sono iPhone 8, iPhone 8 Plus, iPhone XR, iPhone XS, iPhone XS Max, iPhone 11, iPhone 11pro e iPhone 11 pro Max. Per l'Antitrust, come si legge in una nota, inoltre, la contestuale indicazione di esclusione di responsabilità "La garanzia non copre i danni provocati da liquidi", dati gli enfatici vanti pubblicitari di resistenza all'acqua, è stata ritenuta idonea a ingannare i consumatori non chiarendo a quale tipo di garanzia si riferisse (garanzia convenzionale o garanzia legale), né è stata ritenuta in grado di contestualizzare in maniera adeguata le condizioni e le limitazioni.

Questo ha portato alla seconda violazione, ovvero che Apple si sarebbe rifiutata nella fase post-vendita di assistere in garanzia quei modelli non più funzionanti a causa dell'introduzione dei liquidi.

Per questi motivi l'Autorità ha deciso di irrogare ad Apple Distribution International e ad Apple Italia S.r.l. sanzioni per complessivi 10 milioni di euro.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE