Gattuso si commuove a Sky: "Diego? Spero faccia compagnia a mia sorella..."

Rufina Vignone
Novembre 28, 2020

Un lutto che ha travolto Napoli e il Napoli.

Una serata che la città di Napoli non scorderà mai, un popolo riunito nel ricordo per il più grande di tutti, per il figlio di Napoli Diego Armando Maradona scomparso nel pomeriggio di ieri. "Ho tanti bei ricordi, ho avuto la possibilità di parlare tante volte con Diego, di cenare due volte con lui". E' una leggenda, di un altro pianeta. "Gli avrei voluto dare qualche scarpata da giocatore.". "Maradona non morirà mai". Abbiamo fatto meglio del primo confronto col Rijeka, dove sbagliammo tanto. Ho fatto presente delle cose che non mi piacevano, come per esempio fare i professorini e dire una parola di troppo al compagno. Ai ragazzi rompo le scatole. Abbiamo fatto 11 partite, con 8 vittorie e 3 sconfitte. Tanti si chiamano Diego in onore suo. "Qui non so se è più importante San Gennaro o Maradona in questa città".

Sul rapporto con Napoli - "Mi sembra di vivere in Brasile, a Rio de Janeiro". Qua c'è sempre odore di mangiare a qualsiasi ora del giorno, c'è un'atmosfera incredibile, una gioia incredibile. La gente mi assomiglia: "vivo da tanti anni al nord ma sono terrone dentro e mi sento a mio agio".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE