Scuole, ipotesi riapertura dal 9 dicembre

Geronimo Vena
Novembre 27, 2020

Se il nuovo dpcm con le regole per il Natale è atteso entro il 3 dicembre, esiste una possibilità che si torni a scuola dopo il ponte dell'Immacolata, e cioè mercoledì 9. Ce ne sono, purtroppo, di teorici per i quali tra scuola reale e scuola digitale non esisterebbe differenza di sostanza - contenuti uguali, solo diverso il mezzo - né di accidente: per costoro la magia dell'incontro si realizzerebbe ugualmente, sarebbe anzi un miracolo più grande, ove brilla il mistero della premura tra insegnante e allievi...

Fondata nel 1919, la Scuola Svizzera di Milano è una delle quattro ufficiali in Italia riconosciute dal Governo federale (le altre tre si trovano a Bergamo, Roma e Catania). "Ho tanti sogni, personali e lavorativi, come tutti quanti".

Estendo la mia solidarietà a ciascun componente della nostra comunità scolastica, di cui comprendo le difficoltà quotidiane di fronte alle restrizioni e al cambiamento dell'intero sistema di vita; fra queste, il fatto di dover vivere la scuola a distanza, e per la didattica, con una modalità, la DAD, che nel nostro Istituto coinvolge quasi seicento, fra bambini e ragazzi dei tre gradi d'istruzione. "Continuo a pensare che abbiamo sbagliato a mettere al 100% la Dad nelle superiori, e per questo sto insistendo che il prima possibile si riaprano le scuole, con un piano di riapertura organizzato". In presenza sono rimaste parte delle ore di laboratorio e le attività degli studenti con disabilità.

In questo contesto, il ricorso alla DDI si propone come la soluzione ponderata più equa, idonea a bilanciare e realizzare tanto le aspettative dei genitori che auspicano la presenza dei figli alle attività scolastiche in condizioni di sicurezza, quanto quelle di genitori che, invece, ritengono opportuno in questa fase evitare tale partecipazione in presenza assicurando comunque per la via telematica la partecipazione dei loro figli alla didattica scolastica. C'è già una data per il ritorno a scuola. "Le scuole sono e restano una priorità assoluta per il governo".

Altrimenti continueremo a comportarci come don Ferrante, ognuno per il suo ruolo.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE