Gerry Scotti psicologicamente provato dopo il Covid: "Non torno in tv"

Ausiliatrice Cristiano
Novembre 26, 2020

In questi giorni Gerry Scotti e Carlo Conti hanno raccontato la loro esperienza con il Covid-19, i due hanno ammesso di essersi molto uniti, si sono infatti tenuti in contatto tra di loro per tenersi anche compagnia. Nell'intervista ha voluto raccontare che ha sempre fatto molta attenzione alle norme preventive per non essere contagiato dal covid, utilizzava sempre la mascherina (anche in camerino) faceva ripetuti tamponi e test pungidito sia per la conduzione di "caduta libera" che per le registrazioni di "tu Sì que vales".

Gerry Scotti parla poi di contagio domestico e familiare come causa della sua positività al Coronavirus. Sua moglie Gabriella era andata a trovare dei parenti che successivamente sono risultati positivi al coronavirus, anche lei è risultata positiva ma del tutto asintomatica. Ci siamo isolati, lei a casa io al piano di sotto, ma non è bastato.

Si è raccontato a cuore aperto Gerry Scotti sulle pagine del settimanale Chi.

Gerry Scotti

"Avevo la cannula nel naso e il casco che non solo ti dà la dose di ossigeno ma ti aiuta a fare ginnastica con il polmone" ha raccontato poi il conduttore.

Infine, ultima rivelazione, la cosa che più lo ha spaventato: "Il casco per la ventilazione mi ha provato molto psicologicamente". Dopo essere risultato positivo lo scorso 26 ottobre, il volto noto di Mediaset ha trascorso anche del tempo ricoverato in ospedale prima di lasciarsi tutto alle spalle. Durante la degenza ospedaliera è dimagrito oltre 10 kg ma dichiara: "Un paio li riprenderò, magari non tutti". Il Covid da questo punto di vista si è fatto sentire parecchio sul suo corpo, ma adesso per fortuna il tutto è superato ed il conduttore, che è già da parecchi giorni tornato a casa tra le braccia della sua compagna e dei suoi affetti, è finalmente pronto per ricominciare a lavorare.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE