40 anni per 'Colpa d'Alfredo' di Vasco, tra anima fragile e rock

Ausiliatrice Cristiano
Novembre 26, 2020

"Tutto ciò è l'esempio perfetto di come più Vasco Rossi diventa intimista e autobiografico più diventa universale - spiega Arturo Bertusi, regista del cortometraggio Anima Fragile e art director del cofanetto Colpa d'Alfredo - per cui abbiamo scritto questa storia prendendo spunto dalla frase della canzone 'e la vita continua', quindi nonostante tutto, pensata come una seconda possibilità, una seconda occasione, che a sua volta è rappresentata nel video da un anello che incarna la speranza".

'Colpa d'Alfredo R PLAY Edition 40th' uscira' venerdi' 27 novembre (disponibile gia' al link https://SMI.lnk.to/VASCOROSSI_COLPADALFREDO) con l'inedita copertina che riporta la foto come la voleva allora Vasco: sul fronte il suo primo piano con l'occhio nero e il volto tumefatto, truccato come se fosse stato pestato. Nel disco originale, per un colpo di mano dell'ultimo momento del discografico, la foto di Mauro Balletti era stata utilizzata come retro e in copertina uno scatto dello stesso servizio, ma di spalle. "E il sogno scorre lungo il filo rosso che unisce le persone, le anime e le vite, in un unico grande abbraccio". Le animazioni sono invece di Tommaso Arosio e Matteo Manzini. Il soggetto e la sceneggiatura, scritti a gennaio 2020, sono di Arturo Bertusi e Roberto Lepore, e la produzione si è sviluppata tra aprile e novembre.

"L'audio del disco è importante - ha poi sottolineato l'ingegnere del suono Maurizio Biancani - Colpa d'Alfredo è il terzo della carriera di Vasco mutata nel tempo, nei primi due dischi c'era del progressive rock, ma questo disco rappresenta la vera 'svolta rock' di Vasco Rossi, e ci sono per la prima voltale chitarre di Maurizio Solieri che poi diventerà il suo chitarrista ufficiale". Ma non è andata a buon fine la presunta storia d'amore della star della musica: "La discoteca era frequentata da un certo Santino, un ragazzotto con origini meridionali". La tensione di un arrangiamento strepitoso, sotto una prova da cantattore strabiliante. Non c'è tempo per sognare, qui bisogna partire. "Il testo è una metafora, qui parla il potere". Vasco era perso per una ragazza di vicino Modena, la Daniela. "Dalla mancanza di essere, non dalla mancanza di avere, che il capitalismo ti toglie per un giorno ricoprendoti di oggetti, per poi far nascere sempre nuovi bisogni". Un nuovo viaggio in un album fondante con canzoni come, la title track, "Colpa d'Alfredo", "Non l'hai mica capito", "Susanna", "Anima Fragile", "Alibi", "Sensazioni forti", "Tropico del cancro", "Asilo Republic' rimasterizzati partendo dai nastri master analogici".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE