Friedkin: "Pinto è un talento mondiale, ha una mentalità lungimirante"

Rufina Vignone
Novembre 23, 2020

Il dirigente portoghese, precedentemente al Benfica come direttore generale, ha accettato la proposta del club giallorosso, che ora ha un nuovo general manager. Pinto, tra i più affermati manager del calcio europeo, è l'attuale Director of Professional Football del S.L. Benfica. Scelto il nuovo direttore generale dell'area sportiva, ruolo rimasto vacante dopo il divorzio con Gianluca Petrachi.

Ma a convincere la famiglia Friedkin all'ingaggio di Pinto, che dovrebbe avere un triennale da circa 1,2 milioni a stagione, è anche la capacità di generare reddito, forse anche ai buoni rapporti che si dice abbia con Mendes. Con l'arrivo di Tiago Pinto, è presumibile che questo possa non accadere più, in quanto il futuro DS potrà essere anche una figura che possa dedicarsi completamente alle questioni di campo, un DS invisibile e lontano dai radar.

Dan Friedkin sceglie un giovane dirigente portoghese come Tiago Pinto, 36 anni, per affidargli la direzione generale, lato sportivo, della Roma. Nelle nostre numerose conversazioni è stato chiaro che la sua passione per il suo lavoro, la sua mentalità lungimirante e, soprattutto, orientata al successo sono coerenti con la nuova etica della Roma.

Con l'ingaggio di Pinto, che s'insedierà a gennaio, l'impressione è che la Roma voglia marcare una discontinuità col passato. I Friedkin sono stati attratti da un modello gestionale che si sposa perfettamente con la filosofia di gioco di Fonseca.

Partecipate al sondaggio e a voi, come di consueto, la parola! L'avventura nel Benfica fa ben sperare, ma il futuro italiano è tutto da scrivere.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE