Se Polonia e Ungheria sfidano l'UE sullo stato di diritto

Bruno Cirelli
Novembre 19, 2020

Di questi tempi non si può certo dire che l'Unione europea abbia un quieto vivere. Janša ha poi aggiunto che la Slovenia si richiama al "rispetto incondizionato dello stato di diritto in tutti i casi e senza doppi standard". Entrambi i paesi sono caratterizzati da una guida politica autoritaria e sono soliti, da anni oramai, opporsi ai controlli maggiormente vincolanti dell'erogazione dei fondi Ue che ricevono in ingenti quantità.

C'era chi vedeva miliardi europei piovere dal cielo. Nello specifico, l'accordo fra gli stati membri dello strumento di aiuto finanziario, fondamentale per lontano ripartire le economie di tutti i paesi maggiormente colpiti dal covid, verrà discusso nel Consiglio Europeo che si svolgerà fra il 9 e il 10 dicembre.

"I cattivoni sovranisti Polonia e Ungheria mettono il veto sul Recovery Fund e la Meloni non dice nulla!' Avete sentito ripetere questa nuova litania alla sinistra e ai grillini?" Lo si legge in una nota diffusa al termine della conferenza dei presidenti delle 'famiglie' politiche europee.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE