Michael Schumacher continua a lottare, lo dice Jean Todt

Rufina Vignone
Novembre 18, 2020

Perché Lewis Hamilton in Turchia ha vinto il settimo titolo Mondiale in Formula 1 ed ha eguagliato così il primato del tedesco, ma anche perché nel 2008 il grandissimo Schumacher predisse in un'intervista che il britannico avrebbe potuto eguagliare e battere i suoi record.

Già nelle scorse settimane Jean Todt al Telegraf, aveva svelato di essersi recato in visita da Schumacher: "Schumi continua a lottare insieme alla sua famiglia e ai suoi medici".

La leggenda della Formula 1 ha subito gravi lesioni a causa di una caduta con gli sci nel 2013 e da allora le sue condizioni sono tenute segrete dalla sua famiglia. A quasi sette anni dal terribile incidente sulle nevi di Meribel, le condizioni del pilota tedesco sono ancora avvolte nel mistero, pochissime persone hanno infatti accesso alla casa di Schumacher, Todt fra questi. All'emittente televisiva 'Rtl' Todt è tornato a parlare del tedesco: "Vado a trovarlo una o due volte al mese e più o meno la situazione è sempre la stessa".

Di lui è trapelato un esiguo numero di dettagli sulle sue visite, come avvenne quando fu trasferito a Parigi per sottoporsi a cure sperimentali a base di cellule staminali, e qualche frase appena indicativa della sua attuale esistenza da parte dei pochi amici che lo affiancano, come Felipe Massa e Todt. "Sarebbe una grande sfida e saremmo felici di avere un altro Schumacher ai più alti livelli del motorsport nel 2021".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE