Fiorentina, Commisso: "Chiesa non mi ha ancora telefonato per salutarmi"

Rufina Vignone
Novembre 18, 2020

Il contratto di Iachini non scadeva alla fine della scorsa stagione. Io non ho mai incontrato nessun allenatore ma ciò che non significa che Pradè e Joe Barone non hanno incontrato nessuno perché è il loro lavoro farlo. Rocco non farà le stupidaggini che ha fatto mister Li al Milan.

La conferma di Iachini è stata decisa da me in accordo con i miei dirigenti. Non so se ci sia la possibilità di riportarlo a Firenze, ma se lui fa bene è meglio anche per noi almeno può portarci dei soldi. Ho messo 300 milioni nella Fiorentina. Abbiamo una buona squadra e sono convinto di questo.

Strutturare la società? Dicono che io non so niente di calcio, ma io ho giocato a calcio a differenza di quasi tutti gli altri presidenti. Ho sbagliato con Montella e Iachini? "Chi critica ha le tasche vuote". Però sono realista e non voglio fare promesse che non posso mantenere. Questo non vuol dire che non possiamo andare nè in Europa nè in Champions League.

Pedro? Pradè sa molto più di me in questo senso. I soldi della Mediacom sono veri.

Entro gennaio spero inizieranno i lavori per il nostro centro sportivo. Lo stadio si deve rifare del tutto. La verità è che nel lungo periodo la Fiorentina vivacchierà se non mi fanno incrementare i ricavi. Lo faremo tramite gli investimenti, tramite il Centro Sportivo o lo stadio se me lo faranno fare. Se mi fate fare quello che voglio arriveremo agli obiettivi che ci siamo prefissati. Sarri? Io l'ho visto in televisione, poi il lavoro dei miei dirigenti è valutare tutte le situazioni. Credete che sono venuto a Firenze per perdere?

Ancora oggi Chiesa non mi ha fatto una telefonata per salutarmi. Dobbiamo essere uniti e ognuno ha le sue responsabilità. Con Commisso presidente, nessuno si deve preoccupare che la Fiorentina possa fallire.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE