Fusione Ubi-Intesa Sanpaolo, oltre 600 filiali passano a Bper

Paterniano Del Favero
Novembre 16, 2020

BANCA Intesa Sanpaolo e Bper hanno sottoscritto un accordo integrativo per la cessione di una serie di filiali, con rispettivi dipendenti e rapporti con la clientela, del gruppo risultante dall'operazione con la quale Cà de Sass ha acquisito Ubi Banca. La presenza nel perimetro del Ramo dei Punti Operativi consente di preservare l'elevato standard qualitativo del servizio offerto alla clientela, anche in ragione dell'articolata presenza sui territori presidiati. 15 sono in provincia di Torino (sette nel capoluogo più le filiali di Rivoli, Moncalieri, Settimo Torinese, Nichelino, None, Ivrea, Santena e Chivasso), nove in provincia di Alessandria (Valenza, Castelnuovo Scrivia, Cabella Ligure, Casalnoceto, Isola Sant'Antonio, Borghetto di Borbera, Garbagna e Rocchetta Ligure), poi una a Vercelli (Borgosesia), una a Connio nel Varbano Cusio Ossola e una a Novara.

Milano - Fusione Ubi-Intesa Sanpaolo, raggiunto l'accordo per la cessione di 620 filiali a Bper Banca.

Per la provincia di Ancona, sono 39 le strutture interessate (22 filiali e 17 punti operativi).

Si conferma, altresì, il razionale strategico ed industriale dell'Operazione, in linea con gli obiettivi di crescita dimensionale e consolidamento del posizionamento competitivo del Gruppo BPER, rafforzandone sia la base di clientela che le quote di mercato in regioni di grande rilevanza economica dove attualmente BPER ha una presenza limitata. Le persone da includere nel ramo risultano pari a 5.107 e sono riferibili prevalentemente alla rete di filiali e punti operativi e alle aree di business Private e Corporate, cui si aggiungono quelle riferibili alle aree di governo di "semi centro" a supporto dei presidi regionali e territoriali di coordinamento della rete del ramo e di "centro" per il rafforzamento delle funzioni centrali, di controllo e Information Technology.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE