Huawei: su Mate 40 Pro 1,2 kg CO2 in meno per smartphone

Geronimo Vena
Novembre 7, 2020

Huawei Mate 40 Pro è il nostro smartphone più sostenibile. Per l'ultimo top di gamma, l'azienda cinese spiega infatti di aver ridotto del 28% gli imballaggi in plastica e del 90% la documentazione cartacea inclusa nella confezione, portata da 340 a 44 pagine, oltre ad aver sostituito il normale inchiostro a base di petrolio con un inchiostro di soia decomponibile al 100%.

Un'azione concreta che conferma il costante impegno di Huawei, azienda leader della tecnologia, verso un'innovazione tecnologica che abbia un impatto positivo nel mondo e nella vita delle persone.

In base ai risultati di una ricerca commissionata da Huawei, il 76% degli italiani ricicla quotidianamente (contro il 55% della media europea).

L'azienda si è impegnata al massimo per ridurre il consumo di plastica nell'imballaggio di questo dispositivo. Solo il 3,8% della confezione infatti è fatto in plastica. Dalla confezione è anche stato rimosso l'involucro protettivo. In questo modo, ogni 10 milioni di unità vendute si risparmiano 18 mila chili di plastica.

Anche l'utilizzo di carta è stato ottimizzato notevolmente: la documentazione cartacea inclusa nella confezione è diminuita del 90% e la garanzia cartacea è stata del tutto eliminata e resta accessibile in formato digitale, esclusivamente online, direttamente dal sito web Huawei oppure scansionando un QR code.

Huawei punta sulla sostenibilità ambientale con Mate 40 Pro, il cui packaging riduce fortemente l'uso di plastica e carta. Ma Apple è in buona compagnia e un altro colosso tech che ha deciso di dedicare la massima attenzione all'ambiente è Huawei, che proprio in questo periodo ha lanciato sul mercato quello che è a tutti gli effetti lo smartphone di Huawei più green di sempre, il nuovissimo HUAWEI Mate 40 Pro, da poco disponibile anche in Italia. Gli utenti del Bel Paese vorrebbero (31% delle risposte) che le aziende raggiungessero tale obiettivo entro il 2021.

I consumatori italiani sembrano essere molto più consapevoli della necessità di attuare interventi decisivi in tema sostenibilità in molti comparti. Imballaggio che vedrà calare in maniera sensibile la percentuale di carta e di plastica tra i materiali utilizzati.

Huawei ha intrapreso passi significativi per contribuire a creare un futuro più verde con una serie di iniziative implementate sin dal 2013, come ad esempio la riduzione delle emissioni, gli investimenti in materiali rinnovabili, il sostegno agli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite e il riciclaggio e il riutilizzo dei rifiuti per contribuire all'economia circolare.

Sempre in campo ambientale, Huawei prevede quest'anno di riciclare oltre 3mila tonnellate di rifiuti elettronici, a fronte delle 1.468 tonnellate del 2019. Inoltre, l'86% dei dispositivi restituiti per il riciclo nel 2019 è stato già riutilizzato.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE