Un saturimetro per ogni famiglia contro le polmoniti secondo il CTS

Barsaba Taglieri
Novembre 3, 2020

Lo strumento è fondamentale per misurare l'ossigenazione nel sangue e prendere tempestivamente eventuali polmoniti.

Secondo il Comitato Tecnico Scientifico per poter prevenire le polmoniti è necessario che ogni famiglia sia in possesso di un saturimetro proprio come se fosse un termometro.

Ora ad incentivarne l'uso, anche se tardivamente, è anche il presidente del Consiglio Superiore della Sanità e membro del Cts, Franco Locatelli. "Lo sforzo che verrà discusso e che sarà messo in campo - ha spiegato - è quello di dotare i medici di medicina generale e quindi i soggetti infettati di saturimetri, evitando situazioni critiche dei pazienti e pertanto anche l'affanno delle strutture di pronto soccorso degli ospedali".

Come ha rivelato un altro membro del Cts, Luca Richeldi, direttore di Pneumologia al Policlinico Gemelli di Roma, ogni famiglia dovrebbe possedere un saturimetro: questo apparecchio dovrebbe avere la stessa diffusione del termometro, utile per misurare la febbre.

Alcuni pazienti, come quelli affetti da Fenomeno di Raynaud o da patologie che causano una cattiva circolazione delle dita, possono mostrare valori della saturazione dell'ossigeno falsamente più bassi: scaldano bene le dita si può, almeno in parte evitare questo problema.

In condizioni normali la saturazione dell'ossigeno arriva ad un valore tra il 95 e il 100%. L'apparecchio è in vendita in farmacia e nei negozi specializzati a un prezzo minimo intorno ai 20-30 euro. Questo elemento è collegato a un monitor che riporta la percentuale di saturazione, oltre all'unità di calcolo.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE