Lombardia: Coldiretti, con lockdown Germania a rischio 800 mln export

Paterniano Del Favero
Novembre 2, 2020

A preoccupare - continua la Coldiretti - sono in realtà le misure restrittive annunciate per la ristorazione in tutta Europa dalla Francia dove le nuove chiusura di bar e ristoranti in tutto il Paese sono in vigore dal weekend ma anche in Svizzera, Austria, Grecia e Inghilterra che è il quarto mercato di sbocco dell'italian food nel mondo dopo Germania, Francia e Usa.

I prodotti più venduti sono frutta e verdura, pasta, riso, farina, uova, zucchero, formaggi e vino. "L'approvvigionamento alimentare - ha sottolineato Coldiretti - è assicurato in Italia grazie al lavoro di 740mila aziende agricole e stalle, 70mila imprese di lavorazione alimentare e una capillare rete di distribuzione con 230mila punti vendita tra negozi, supermercati, discount e mercati contadini di Campagna Amica".

Tornano le file davanti ai supermercati: è la paura per un nuovo lockdown e a segnalarlo è la Coldiretti.

Sforano la soglia dei tre milioni gli italiani che prestano tuttora servizio nella filiera alimentare, dalle industrie alle campagne, fino a supermercati, negozi e trasporti, per garantire continuità alle forniture di bevande e cibo alla popolazione.

Un drastico crollo dell'attività che - conclude la Coldiretti - pesa sulla vendita di molti prodotti agroalimentari con alcuni settori, come quello ittico e vitivinicolo, in cui la ristorazione rappresenta addirittura il principale canale di commercializzazione per fatturato. Occorre dunque evitare inutili file che favoriscono gli assembramenti ed aumentano il rischio della diffusione del contagio ma anche mettono inutilmente sotto stress il sistema dei rifornimenti e i lavoratori coinvolti.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE