Corea del Nord: minaccia Covid dalla Cina

Bruno Cirelli
Ottobre 25, 2020

La polvere gialla però era semplicemente la sabbia dei deserti mongoli e cinesi, spinta dal vento che soffia sulla penisola coreana in alcuni periodi dell'anno e che spesso si mescola all'inquinamento, determinando problemi alla salute.

L'ambasciata russa, una delle poche che ancora funziona in Nord Corea, ha confermato di aver ricevuto una comunicazione sul pericolo della "polvere gialla".

Al momento non ci sarebbero prove riguardo un possibile collegamento tra le nuvole di polvere e il coronavirus, ma sembra che la Corea del Nord non sia l'unico paese ad aver paura di una simile eventualità. E ora il Paese teme che possa portare con sé il Covid-19. La tv, sotto controllo statale, ha informato del divieto per qualsiasi lavoro di costruzione all'aperto a livello nazionale. In Turkmenistan è stato imposto l'utilizzo della mascherina per proteggere i cittadini dalla polvere. La Corea del Sud non condivide tale posizione ed esclude una possibile entrata del virus tramite la tempesta di sabbia.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE