Augurò la morte alla D'Urso, condannato Yari Carrisi

Ausiliatrice Cristiano
Ottobre 17, 2020

Yari Carrisi ha ricevuto una condanna penale per aver leso l'onore e la reputazione di Barbara D'Urso augurandole la morte sui social.

Il secondogenito di una delle coppie più amate della musica italiana, aveva spiegato di non fare riferimento alla 'morte fisica' della conduttrice, bensì alla sua trasmissione, definendola sempre in una storia Instagram, come "il tipo di show che non aiuta a vivere meglio ma è cattivo e ignorante e si approfitta della gente e delle sventure delle persone". Sua sorella Daniela, invece, era scesa in campo per difenderla e si era scagliata contro Yari Carrisi, dichiarando che le sue parole apparivano ingiustificabili. Come lei stessa ha anticipato a Pomeriggio 5, la diretta serale, tra gli ospiti, vedrà la partecipazione di Fabrizio Corona, condannato ad altri 9 mesi di detenzione e denunciato dall' ex moglie Nina Moric e Iconize, balzato sui titoli dei giornali di cronaca rosa per la presunta falsa aggressione. Si tratta di una responsabilità accertata in sede penale di giudizio, visto che su Instagram Carrisi jr ha leso l'onore della D'Urso.

Cos'è accaduto esattamente lo scorso 21 aprile? Una frase cruenta che aveva creato una bufera in Mediaset: tutti si erano schierati con la Regina di Cologno Monzese che conduce tre programmi di punta e di successo su Canale cinque. "Le stai davvero augurando la morte?". Il post fu poi rimosso, ma ormai era tardi in quanto diversi utenti lo avevano captato, riproponendolo sulle piattaforme della rete.

La frase di Yari sollevò la reazione del web di fronte alla quale il figlio di Albano e Romina Power chiarì il senso delle sue parole. "Da anni si è propagato in tutte le case d'Italia come un virus ed è ora di chiudere il flusso negativo che emana".

Vediamo insieme che cosa è stato appena diffuso in internet, ovvero la condanna per Yari Carrisi, e cosa ha detto a Barbara D'Urso. "Non è mai stata mia intenzione augurare la morte a nessun essere vivente ma esclusivamente augurarmi/ci la fine di un programma che ritengo dannoso".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE