Emergenza Covid in Italia: ipotesi coprifuoco alle 22. Decisione entro 48 ore

Bruno Cirelli
Ottobre 16, 2020

Il premier Conte è stato categorico: "Chiudere tutto sarebbe troppo dannoso, proprio adesso che l'economia mostra segni di ripresa, anche se solo per un paio di settimane, è una cosa che non esiste". La ministra, sorpresa perché sono le stesse Regioni che a giugno non volevano inserire la didattica a distanza nelle linee guida, non ci sta a disperdere "i grandi investimenti e sacrifici fatti per la scuola".

Si pensa ad un sorta di coprifuoco dalle ore 22, con limitazioni agli spostamenti fino alle 6 del mattino, e alla didattica a distanza per le scuole superiori.

Altra ipotesi molto concreta è quella di un massiccio ritorno allo smart working per migliaia di lavoratori, come proposto insistentemente dal Ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina. Da qui il disaccordo con la decisione di De Luca: "È una soluzione che sembra a portata di mano, molto facile, ma non è il segnale migliore dal punto di vista dei ragazzi". Anche in Campania la situazione è preoccupante: a convincere De Luca a chiudere le scuole superiori sono stati i dati di ieri, con oltre mille contagi in più rispetto a mercoledì. Tutti elementi che fanno crescere tra i 5 Stelle un sospetto: che l'obiettivo finale, più che la didattica a distanza, sia un "sabotaggio" del concorso straordinario per l'assunzione di docenti, previsto a partire dal 22 ottobre e terreno di scontro quotidiano tra le due principali forze di maggioranza. Parole che rivelano la preoccupazione per il dilagare dei contagi.

Per questo, il ministro della Salute Roberto Speranza ha già sentito i governatori e non appena Conte tornerà da Bruxelles vedrà i capi delegazione dei partiti per discuterne. "Per contenere la seconda ondata dell'epidemia da Covid-19 c'è bisogno del contributo di tutti", ha scritto ieri in un tweet il presidente del Consiglio, rivolgendosi agli italiani.

Il Premier Giuseppe Conte ha fatto retromarcia, non escludendo più l'ipotesi di un altro lockdown, differentemente da quanto dichiarato nei giorni scorsi, rinnovando un appello a tutta la popolazione: "Rispettiamo le nuove disposizioni, seguiamo le raccomandazioni, facciamo del bene al nostro Paese".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE