F1, GP Eifel. Ricciardo: "Podio atteso da tanto, sono felice"

Rufina Vignone
Ottobre 14, 2020

Sono davvero felice vedere tutti del team godersi questo momento, abbiamo aspettato tanto tempo.

Daniel Ricciardo ha terminato alle spalle di Lewis Hamilton e Max Verstappen, ma è riuscito a tenere alle sue spalle la Racing Point di Sergio Perez, anche dopo l'uscita della Safety Car che poteva far rimescolare le carte del GP dell'Eifel.

Daniel Ricciardo ha infatti chiuso la gara del Nurburgring 3°, per lui l'ultimo podio è stato quello di monaco 2018 e da lì in poi una spirale discendente di insuccessi e tanti ritiri. Ora l'australiano, come da scommessa, dovrà scegliere un tatuaggio da far fare ad Abiteboul...

"E' una bella sensazione, e vorrei condividere questa emozione provata in pista con tutti i membri della squadra - ha detto Abiteboul". È stato un viaggio enorme per arrivare sin qui e oggi è una pietra miliare della nostra storia. Abbiamo lavorato sodo e ci siamo riusciti. Che Ocon stesso continuerà a guidare anche la prossima stagione e che Ricciardo invece si appresta a consegnare (bella, veloce, potenzialmente vincente in Gran Premi. simil-Monza) a Fernando Alonso. Un carico di responsabilità in più per il rientrante spagnolo - generalmente ben provvisto di autostima - che però stavolta difficilmente potrà attribuirsi grandi meriti nelle prestazioni di una monoposto che nel 2021 sarà sostanzialmente la stessa di quest'anno (giusto la squadra sarà ribattezzata Alpine F1 Team), che i due attuali piloti hanno già portato ad un buon livello. Senza di esso avremmo potuto ottenere un enorme risultato di punti, il che è molto importante in quanto l'affidabilità è ciò che definirà il campionato ad Abu Dhabi. "Ma per ora dobbiamo festeggiare e goderci questo momento perché è un momento importante per la squadra ".

"È passato un bel po' di tempo", apre il discorso Ricciardo, "In realtà mi è sembrato come se fosse l'inizio, come se fosse il mio primo podio in carriera".

"Non è nel mio stile, ecco perché è stata accettata la scommessa, ma eravamo al giovedì sera prima di Silverstone l'anno scorso e Daniel mi fece vedere un nuovo tatuaggio che si era fatto. Nei restanti giri mi sono difeso strenuamente per mantenere la posizione".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE