Covid, Di Lorenzo (Irbm): "Senza intoppi dosi vaccino in Italia per Natale"

Barsaba Taglieri
Ottobre 13, 2020

Johnson & Johnson ha sospeso temporaneamente la fase finale della sperimentazione del vaccino contro il coronavirus al quale stava lavorando a causa di eventi avversi inspiegabili su un volontario. Nello specifico, dal 23 settembre, l'azienda ha iniziato test su 60.000 volontari, nella prima grande sperimentazione di un'inoculazione che potrebbe funzionare anche dopo un solo colpo.

Vaccino, un altro stop sulla sperimentazione

J&J ha confermato la notizia: "Seguendo le nostre linee guida, la malattia del partecipante viene valutata dal Data Safety Monitoring Board sull'Ensable oltre che dai medici ed esperti della sicurezza interni". Il vaccino, ideato ad Oxford nell'Istituto Jenner, è stato prodotto anche con il contributo dell'Irbm di Pomezia e della multinazionale britannico-svedese AstraZeneca. Nel frattempo il governo statunitense ha investito quasi mezzo miliardo di dollari nello sviluppo e distribuzione su larga scala del vaccino. Le diverse aziende farmaceutiche internazionali stanno testando le dosi da somministrare alla popolazione e più o meno i tempi sembrano coincidere. Più nello specifico, si parla di 486 milioni di dollari, per una produzione e distribuzione di 100.000 dosi entro la fine del 2020. Gli studi sul vaccino sono ripresi circa una settimana dopo essere stati messi in pausa nel Regno Unito, e da allora sono stati ripresi anche in altri Paesi. "Dobbiamo fare gli ultimi sacrifici per avere le prime dosi entro fine anno e partire con il vaccino", ha commentato il ministro Luigi Di Maio. Nei primi giorni della fase 2, l'EngageMinds HUB della Cattolica aveva già posto questa domanda a un campione di italiani e nei risultati si leggeva che circa il 40,5% era contrario o indeciso a farsi vaccinare. Tempi che, grazie alla cosiddetta 'rolling review', revisione continua partita l'1 ottobre all'Agenzia europea del farmaco Ema, saranno compressi al massimo. Infine: "Siamo in cauta e fiduciosa attesa". A quel punto saranno 15-20 milioni le dosi che aspetteranno all'Europa.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE