Covid, 'Per jogging non c'è obbligo mascherina': la precisazione del Viminale

Rufina Vignone
Ottobre 12, 2020

Una circolare che recita quindi: "Si esenta dall'obbligo di utilizzo solo coloro che abbiano in corso l'attività sportiva e non quella motoria, non esonerata, invece, dall'obbligo in questione".

Il Viminale ha precisato, però, che chi fa jogging o footing non deve indossare la mascherina. No. E vediamo perché.

La precisazione è contenuta in una circolare del capo di Gabinetto Bruno Frattasi, inviata ai prefetti, che fornisce alcuni chiarimenti in merito ai profili più strettamente legati ai controlli amministrativi sulla corretta applicazione del quadro regolatorio statale e regionale. E con attività sportiva?

Le mascherine devono essere indossate obbligatoriamente anche da chi svolge attività motoria all'aperto. La dobbiamo indossare sempre, a meno che non ci troviamo in un luogo isolato, non siamo in auto da soli o con congiunti, non stiamo usando la bicicletta, non si soffra di patologie che ne impediscono l'uso o non si stia facendo attività sportiva.

Il Ministero dell'Interno ha pubblicato ieri una circolare firmata dal capo di Gabinetto, Bruno Frattasi. In questa definizione, si legge, rientrano non solo le attività sportive, ma anche semplici movimenti come camminare, andare in bicicletta, ballare, giocare, fare giardinaggio e lavori domestici, che fanno parte della "attività motoria spontanea".

Niente feste o incontri in ambito domiciliare se non tra congiunti, campagna elettorale (in Sardegna 160 Comuni vanno al voto il 25 e 26 ottobre, ndr) solo in luoghi che consentano di rispettare le norme a contrasto della diffusione del coronavirus e massimo 30 persone per volta in cimitero.

"Per attività motoria", continua il prefetto, "si intende la passeggiata e in questo caso la mascherina è obbligatoria anche per chi indossa la tuta da ginnastica o i pantaloncini. Ma in realtà sta soltanto camminando".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE