Virus, De Luca: "Prenderemo decisioni necessarie, non quelle comode"

Bruno Cirelli
Ottobre 10, 2020

Parla così il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, intervenuto questa all'assemblea di Anita, a Napoli. Se la situazione dovesse peggiorare, non si escludono "misure drastiche": "La mia opinione è che già oggi, forse, siamo al punto in cui dovremmo prendere decisioni drastiche".

"Se vogliamo evitare nuove chiusure, la ricetta è semplice, rispettare le regole". Alle 22 non si cena da nessuna parte. "Pensiamo ad essere rigorosi nei comportamenti - spiega - Le cose che abbiamo deciso sono estremamente equilibrate". Su un punto, però, De Luca si sente accerchiato: "Non è vero che non ci sono posti letto, abbiamo 50 ospedali".

La concentrazione maggiore di positivi si sta registrando nella provincia di Napoli seguita subito dopo da quella di Caserta, ovvero i due centri in cui la densità demografica è fra le più alte a livello nazionale. "La Juventus, per bocca del suo presidente, ha fatto una dichiarazione penosa, imbarazzante, dicendo che siccome c'è un protocollo sarebbero andati allo stadio per fare una dura competizione con i raccattapalle".

"Abbiamo molti asintomatici, tra gli oltre 700 positivi che avremo anche oggi, il 90-95% è asintomatico", ha aggiunto il governatore, anticipando il bollettino odierno dell'Unità di crisi che verrà diffuso nel pomeriggio. "Come ci si può ridurre alla meschinità di pretendere di vincere un incontro con gli antagonisti messi in quarantena non per volontà propria, ma da una Asl?". Entra nel merito di quello che potrebbe accadere nelle prossime settimane in Campania De Luca nella sua diretta social.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE