Julian Alaphilippe campione del mondo su strada a Imola

Rufina Vignone
Settembre 30, 2020

I Mondiali di Imola parlano francese, Julian Alaphilippe ottiene un successo più che meritato che corona una carriera già straordinaria: sorride anche Thomas Voeckler, che alla prima uscita da ct riporta l'iride in Francia dopo 23 anni. Il francese si è imposto nella prova in linea sul circuito di Imola. Intanto la grinta di un commovente Caruso che reduce da un grande Tour pè il migliore della squadra italiana oggi e chiude decimo. Grazie al clima e ad una condotta di gara molto attendista, la corsa è andata via tranquilla e con poca selezione, favorendo una sfida diretta tra i grossi calibri nell'ultimo giro.

"Straordinaria la sua resistenza agli inseguitori (Roglic, Hirschi, Fuglsang, Kwiatkowski ) che sono arrivati a 9" da lui ma non hanno trovato l'accordo per agganciarlo. Le medaglie meno preziose si sono giocate in volata, con il belga Wout van Aert più veloce di tutti e il nostro Marc Hirschi bravissimo a conquistare il bronzo al fotofinish. Di questa prova in linea restano un paio di lampi azzurri. Alaphilippe è riuscito a guadagnare una quindicina di secondi su un gruppetto di cinque rivali comprendente l'altro superfavorito, il belga Van Aert, Kwiatkowski, Fuglsang, Hirschi e Roglic. Alaphilippe ha regalato ai transalpini un titolo che mancava da 23 anni. Poco organizzato il gruppo partito alla rincorsa del fuggitivo.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE