Ferragni come la Madonna su Vanity Fair, il Codacons la denuncia

Ausiliatrice Cristiano
Settembre 28, 2020

La versione 'Chiara Ferragni Madonna' fa imbufalire il Codacons.

Un fotomontaggio pubblicato lo scorso 23 settembre 2020 nel quale Chiara Ferragni come una Madonna sorride lievemente in direzione dell'obiettivo ha scatenato un putiferio. Ma procediamo con calma.

Il quadro è una rappresentazione sacra di Giovanni Battista Salvi, pittore del '600, rielaborata da Francesco Vezzoli, uno degli artisti contemporanei più stimati, per il numero di Vanity Fair che ha curato.

Il gesto non ha fatto impazzire l'ente che ha deciso di denunciarla per blasfemia, accusandola di aver offeso il sentimento religioso dei cristiani, quando non è stata di certo Chiara a dipingersi da sola. Il motivo? La diffusione di una immagine in cui Ferragni appare raffigurata come una Madonna, e che, afferma il Codacons, "ha generato indignazione e raccapriccio nell'opinione pubblica e sul web".

"Abbiamo presentato un esposto alla Procura della Repubblica e al Ministro dei beni culturali Dario Franceschini affinché possano intervenire su quella che non deve ritenersi una banale provocazione, ma una grave mancanza di rispetto non solo per tutti i cristiani ma anche per l'intero mondo religioso e per l'arte" è possibile leggere nel comunicato contro la moglie di Fedez, tra l'altro il rapper è stato vittima di uno sfortunato episodio.

"L'immagine che raffigura la Ferragni nei panni di una moderna Madonna con bambino dipinta da Giovanni Battista Salvi detto il Sassoferrato sfrutta la figura della Madonna e la religione a scopo commerciale, essendo noto come la Ferragni sia una vera e propria "macchina da soldi" finalizzata a vendere prodotti, sponsorizzare marchi commerciali e indurre i suoi follower all'acquisto di questo o quel bene".

Ovviamente non poteva mancare l'ironica replica di Fedez su Twitter, che ha commentato il tutto così: "Mi mancavano". È da tempo ormai che il Codacons ce l'ha con i Ferragnez; l'ultima volta ha denunciato la coppia per una raccolta fondi che ha permesso la creazione di un nuovo reparto di terapia intensiva all'Ospedale San Raffaele di Milano.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE