Coronavirus, Salvini: non ho scaricato Immuni, non sono un pericolo

Bruno Cirelli
Settembre 15, 2020

Fino alla 'cinesissima' TikTok (con tutte le critiche sull'app per la gestione dei dati sensibili). Lui si è preso il rischi di insultare chi lo contestava, tacciandoli di "fischiettanti che cercano fascisti in assenza di fascisti", gridando che se "l'uomo mangia male poi viene su come quelli là" e concludendo, prima di andarsene, con il suo "Mia figlia che ha 7 anni ha un pensiero più evoluto di voi". La minaccia, tanto per chiamarla col nome giusto, è arrivata in un noto ristorante della città dei Sassi, tra una portata della cucina tipica ed un dessert di bontà pasticcera ed è stata lanciata alla presenza di autorevoli commensali, tra cui uno particolarmente pettegolo che subito si è incaricato di farla girare secondo la sua insulsa convenienza imprenditoriale. E l'app Immuni? "L'ho scaricata?"

Matteo Salvini sui novax conferma la linea del partito: "Ritengo che mamma e papà debbano essere liberi di scegliere". Il palco in piazza della Repubblica, affollatissima di sostenitori della Lega; il corteo di protesta in Corso Matteotti, tra fischi, striscioni e slogan anti-leghisti, è stato 'bloccato' dalla polizia che non ne ha permesso l'accesso nella piazza del comizio. "Se avessi i sintomi sarei il primo a correre a farmi tutti i controlli del caso".

Palazzo Chigi è nel giusto quando ha commissionato il sondaggio a Ipsos, che verteva sull'esito del referendum e sulla popolarità dei leader, ma la rilevazione doveva rimanere nel cassetto e invece è finita nella disponibilità dell'Ansa che lo ha pubblicato nonostante il divieto. Insomma, quel Made in Italy tante volte esaltato.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE