Usa: west Coast brucia, roghi "straordinari" alimentati da venti

Bruno Cirelli
Settembre 13, 2020

Il presidente americano Donald Trump ha firmato la dichiarazione di emergenza per gli incendi e, secondo la governatrice Kate Brown, la situazione probabilmente peggiorerà. Ai decessi si aggiungono 16 persone che attualmente sono disperse e le cui ricerche sono in corso. Da lunedì scorso le fiamme hanno devastato circa 500 miglia quadrate, che corrispondono a più o meno 1295 chilometri quadrati.

Atmosfera marziana su San Francisco circondata dagli incendi
Atmosfera marziana su San Francisco circondata dagli incendi

In questi 3 stati, gli incendi stanno assumendo proporzioni senza precedenti (vedi foto della gallery scorrevole in alto). "Ma questo non resterà un evento straordinario, stiamo subendo l'impatto del cambiamento climatico", ha proseguito. La combinazione di venti e caldo alimenta le fiamme, che ha portato a drammatiche scene di fuga, mentre a Bay Area a San Francisco il cielo pieno di nuvole di fumo ha coperto il sole che sorgeva e prodotto un inquietante bagliore arancione. Al di là dello scenario a dir poco angosciante, sulla città sta continuando a cadere una pioggia di cenere che si sta depositando sulle strade, rendendo l'aria irrespirabile. Come riporta il New York Times, i roghi stanno interessando diversi Stati della West Coast, dove hanno distrutto numerose abitazioni e costretto migliaia di persone ad evacuare. Il sindaco Ted Wheeler ha dichiarato lo stato di emergenza, una decisione presa per le condizioni meteorologiche unite al fatto che la città è a corto di risorse antincendio, perché molte di esse sono state inviate per aiutare a combattere gli incendi in altre parti dello stato.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE