Covid-19, mangiare fuori aumenta il rischio di contagio rispetto ad altre attività

Barsaba Taglieri
Settembre 13, 2020

Secondo quanto emerso da uno studio statunitense, i ristoranti sarebbero i luoghi più a rischio di contagio da Coronavirus. Questo studio, ripreso in larga misura dai media, si riferisce alle attività svolte nei 15 giorni precedenti, ma (sembra incredibile ma è vero) riguarda unicamente 300 persone, 150 delle quali risultate positive a luglio in 10 Stati degli Usa. E dove nella maggior parrte degli Stati non sono state fissate regole rigide come in Europa per l'accesso ai pubblici esercizi. Ai soggetti presi in esame sono state poste domande sulle attività in comunità, confrontando risposte e risultati con altrettante persone negative.

Tuttavia, le persone risultate positive avevano circa il doppio delle probabilità di quelle che erano risultate negative di affermare di essere andate a cena in un ristorante. Non sono emerse differenze significative nel rischio per le riunioni in casa con meno di dieci persone, per lo shopping, per gli uffici, i parrucchieri, le palestre, i trasporti pubblici e le cerimonie religiose.

Coronavirus: mangiare al ristorante è l'attività più a rischio

"L'esposizione al virus al ristorante è stata legata alla circolazione dell'aria". "Gli sforzi per ridurre le possibili esposizioni al patogeno in occasioni in cui l'uso della mascherina e il distanziamento sociale sono difficili da mantenere, come quando si mangia e si beve, dovrebbero essere intensificati per proteggere clienti, dipendenti e l'intera comunità".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE