Oms a Italia e Francia: non ridurre la quarantena

Barsaba Taglieri
Settembre 11, 2020

Ne discuteremo nel comitato tecnico scientifico, ci confronteremo anche con gli altri Paesi europei sulla base di questo orientamento faremo la nostra scelta finale.

I due temi principali sollevati dal comitato sono: il mancato aggiornamento del piano pandemico nazionale, fermo all'anno 2006, e le gravi mancanze di comunicazione nella catena di comando istituzionale durante l'epidemia. Se si attendono i 14 giorni "non serve il test, ma se riduci la quarantena" e non si aggiungono i test, c'è il rischio di farsi sfuggire alcuni positivi, fa presente l'agenzia Onu. Secondo Le Monde, il periodo di quarantena verrà dimezzato, passando appunto da 14 giorni a una settimana.

Intanto l'Oms "sta seguendo le discussioni" sull'accorciamento della quarantena per i contatti di chi è positivo al Covid-19, ma "difende la raccomandazione di una quarantena di 14 giorni per prevenire la trasmissione del virus".

"Per ridurre la quarantena deve esserci una concertazione nella Ue basata sull'evidenza scientifica e non sul calcolo politico o economico", ha detto Ranieri Guerra, direttore aggiunto dell'Oms. "Non è opportuno - ha spiegato - che uno stato membro vada avanti per conto proprio". Lo ha dichiarato all'Ansa l'ufficio europeo dell'Oms commentando l'ipotesi avanzata in Francia di ridurre il periodo a sette giorni. "Dieci giorni è il minimo. Non abbiamo ancora prove definitive e certe che anche la scarsa sintomatologia non possa trasformarsi in danno". Secondo gli scienziati, infatti, "continuare a prevedere termini più lunghi e nella prassi assai incerti per la quarantena, e un ricorso ripetuto a tamponi per determinare la fine dell'isolamento, rischia di bruciare risorse preziose nel periodo di maggiore bisogno e di tenere in reclusione domiciliare migliaia di persone senza giustificato motivo". Nuovo aumento dei pazienti Covid in terapia intensiva: sono 150, 7 in più nelle ultime 24 ore.

"Quando applicano le misure, questi Paesi prendono in considerazione sia i dati scientifiche che i fattori sociali".

In sostanza, l'Oms ritiene che la quarantena non debba esser ridotta in quanto il periodo di incubazione del virus è di 4/5 giorni con un limite superiore di 14 giorni.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE