Da Atlantia societá per la scissione di Aspi, ma resta ipotesi vendita

Paterniano Del Favero
Settembre 6, 2020

La soluzione sarà esaminata oggi in un cda straordinario di Atlantia, che ieri ha messo a segno in Borsa un balzo a due cifre (+16%). Oggi si tiene il Cda che avrà sul tavolo il dossier Autostrade per l'Italia. Nel processo sarebbe dunque contemplata la quotazione di Aspi.

Ieri sono andati avanti i confronti a livello tecnico tra le parti, oggi il board di Atlantia farà il punto sulla situazione. Quasi in contemporanea, nel primo pomeriggio, il ministro Gualtieri riferirà in Parlamento proprio su Cdp e sul dossier infrastrutturale.

La soluzione sulla quale ci si stava muovendo inizialmente era un aumento di capitale di ASPI da almeno 3 miliardi dedicato a Cdp, che la porterebbe al 33%, e a una cessione di quote pari al 22% della stessa ASPI da parte di Atlantia a uno o più investitori graditi e individuati da Cdp.

L'operazione darebbe ad Aspi una valutazione iniziale di 11 miliardi di euro e dovrebbe essere completata entro la prima metà dell'anno prossimo. In questo modo, si porrebbero le basi per l'uscita della famiglia Benetton dal capitale di Autostrade, senza però penalizzare gli altri azionisti di minoranza: il 12% di Aspi è, infatti, in mano ai tedeschi di Allianz e ai cinesi di Silk Road.

Sono però molti i punti ancora da risolvere.

Azioni Atlantia sotto la lente nell'ultima seduta della settimana.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE