Covid, Iss: "Rt nazionale a 1,18"

Barsaba Taglieri
Settembre 5, 2020

Nella settimana di monitoraggio il 39% dei nuovi casi diagnosticati in Italia è stato identificato tramite attività di screening, mentre il 29% nell'ambito di attività di contact tracing. "Questo indica - sottolineano gli esperti dell'Iss - che, al netto dei casi asintomatici identificati attraverso attività di screening/tracciamento dei contatti e dei casi importati da stato estero, vi è stato un aumento del numero di casi sintomatici contratti localmente e diagnosticati nel nostro Paese".

L'età media dei casi diagnosticati nell'ultima settimana "è di 32 anni, in leggero aumento rispetto alla settimana scorsa".

In Italia, come in Europa e globalmente, si è verificata una transizione epidemiologica dell'epidemia da Sars-CoV-2 con un forte abbassamento dell'età mediana della popolazione che contrae l'infezione.

Roma, 4 set. (askanews) - "I casi di Covid-19 in Italia aumentano per la quinta settimana consecutiva e l'Rt si assesta di poco al di sopra di 1". "Anche in questa settimana - si legge - si rileva una trasmissione diffusa del virus su tutto il territorio nazionale che provoca focolai anche di dimensioni rilevanti e spesso associati ad attività ricreative che comportano assembramenti e violazioni delle regole di distanziamento fisico sia sul territorio nazionale che all'estero".

Silvio Brusaferro, Presidente dell'Istituto Superiore di Sanità aggiunge che "nelle Rsa sono ospitati, oltre agli anziani, anche soggetti con patologie croniche, affetti da disabilità di varia natura o con altre problematiche di salute, potenzialmente molto a rischio se colpite da Covid-19" e che proprio per questo "si tratta di un documento molto importante che, in virtù della specificità della popolazione a cui è dedicato, viene aggiornato con grande attenzione e in relazione al contesto degli scenari epidemiologici". "Bisogna tuttavia interpretare con cautela l'indice di trasmissione nazionale in questo particolare momento dell'epidemia - si ribadisce nel report - Infatti l'Rt calcolato sui casi sintomatici, pur rimanendo l'indicatore più affidabile a livello regionale e confrontabile nel tempo per il monitoraggio della trasmissibilità, potrebbe sottostimare leggermente la reale trasmissione del virus a livello nazionale". Molti di questi "sono causati da rientri da aree turistiche". "Si assiste pertanto alla successiva importazione di casi e ad una ulteriore trasmissione locale (anche al rientro dopo periodi di vacanza)".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE