Spari fuori la Casa Bianca, Trump scortato

Bruno Cirelli
Agosto 12, 2020

Dopo queste rapide delucidazioni, Trump ci ha tenuto a ringraziare i servizi segreti per il loro tempestivo intervento, per poi concludere che "la sparatoria potrebbe non essere legata a me". Arrivato con qualche minuto di ritardo sul podio, il presidente aveva da poco iniziato a parlare quando un agente del Secret Service lo ha interrotto e gli ha intimato di lasciare la stanza.

Joe Biden, il candidato democratico nella corsa alla Casa Bianca 2020, ha annunciato Kamala Harris come candidata vicepresidente. A quel punto Trump è stato scortato fuori dalla sala e accompagnato nel bunker della Casa Bianca, dove è stato messo sottochiave. Al momento le autorità stanno indagando sull'accaduto. Secondo alcuni media alcuni colpi rumorosi sono stati uditi all'esterno della Casa Bianca in quel di Washington.

Una sparatoria avvenuta fuori dalla Casa Bianca ha costretto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ad abbandonare la conferenza stampa iniziata da pochi minuti.

La polizia dei servizi segreti è rimasta fuori dalla Casa Bianca a pattugliare le strade. Successivamente i servizi segreti hanno rilasciato un aggiornamento per confermare che che l'incidente è avvenuto vicino alla 17th Street e alla Pennsylvania Avenue e che l'indagine è ancora in corso. L'uomo colpito, che stando a quanto riferito dal Dipartimento dei Vigili del Fuoco, avrebbe riportato ferite gravi è stato trasportato in ospedale per le cure del caso. I servizi segreti hanno portato via il presidente e i funzionari che partecipavano alla conferenza, attraverso un passaggio nascosto nel retro della sala stampa.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE