Coronavirus in Italia, cresce curva contagi (+463), calo dei decessi (+2)

Barsaba Taglieri
Agosto 11, 2020

Infine, sono quattro le regioni italiane dove nelle ultime 24 ore non si registrano nuovi casi di coronavirus: Calabria, Valle d'Aosta, Molise e Basilicata. Diminuiscono invece le vittime, oggi due, per un totale di 35.205 persone decedute dall'inizio della pandemia. Rispetto alla prima settimana di luglio, il tasso di contagi si è moltiplicato per otto, dai 10 casi per 100 mila abitanti registrati il 7 luglio ai 79,8 che la Sanità ha registrato venerdì scorso. Nella foto in alto è visibile quello dei soggetti attualmente positivi. Intanto c'è un paziente in più nelle ultime 24 ore ricoverato in terapia intensiva (46 in tutta Italia) mentre i positivi al Covid-19 con sintomi che si trovano in altri reparti sono 779, +16 rispetto al bollettino di domenica.

Oggi 151 persone sono guarite dal Covid-19, in questo modo le guarigioni certificate in Italia dall'inizio dell'epidemia salgono a 202.098. Il numero complessivo dei dimessi sale a 2.751, con un incremento di 2 persone rispetto a ieri.

Tra i 463 nuovi casi di Covid registrati nell'ultimo giorno, si segnalano "picchi" in Lombardia con 71, in Emilia-Romagna con 69, in Toscana con 61 e in Veneto con 58.

Il vice ministro alla Salute, Pierpaolo Sileri, interpretando le nuove cifre, però rassicura: "Sono giorni che i dati dei contagi, ondulanti, possono indurci a pensare che la situazione sfugga di mano ma non è così: non è in atto una recrudescenza a livello nazionale ma diversi focolai ben contenuti", spiega Sileri chiarendo che con il contenimento dei focolai, facendoli restare piccoli, e proseguendo con il senso di responsabilità "che abbiamo sviluppato nel corso di questi mesi, proteggendo gli altri con mascherina, distanziamento e igiene, la fase di rialzo del virus non sarà una seconda ondata per come l'abbiamo conosciuta a marzo".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE