Bielorussia, scontri dopo vittoria Lukashenko: un morto

Bruno Cirelli
Agosto 10, 2020

Non solo Minsk, anche a Brest si registrano i primi scontri e arriva la notizia di alcuni arresti.

Alta tensione in Bielorussia dopo che sono stati diffusi gli exit poll che alle presidenziali vedono trionfare ancora, in modo schiacciante, il presidente uscente Alexander Lukashenko. La percentuale comunicata, ha reso noto l'agenzia di stampa Belta, si basa su un conteggio preliminare. Centinaia di giovani sono scesi in strada a Minsk per manifestare la loro contrarietà rispetto al risultato: Lukashenko avrebbe ottenuto il 79,7% dei voti, mentre la sua sfidante, Svetlana Tikhanovskaya, si sarebbe fermata al 6,8%.

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha condannato la reazione spropositata della polizia sui manifestanti: "Non c'è posto in Europa per chi bersaglia e reprime con violenza chi protesta pacificamente". L'opposizione, da quanto si apprende, ha contestato molto duramente questi risultati. "Non riconosciamo i risultati delle elezioni". Secondo il team, i dati non corrispondono alla realtà e questo è il motivo principale delle proteste, che hanno causato, oltre al morto citato dal Centro per i diritti umani Viasna, anche dozzine di feriti. "Spero che non ci siano violenze se la gente vuole scendere in piazza: continueremo a cercare di condurre un dialogo con le autorita'", ha aggiunto.

La Polonia ha chiesto un vertice europeo straordinario sulla situazione in Bielorussia, dopo gli scontri che hanno seguito le lezioni presidenziali. E il primo ministro Mateusz Moraviecki scrive in un comunicato: "Le autorità hanno usato la forza contro i propri cittadini, che stanno chiedendo un cambiamento nel Paese". Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha commentato su Twitter: "La violenza contro chi protesta non è la risposta".

Lukashenko è stato eletto presidente per la prima volta nel 1994 con l'80% dei voti e da allora guida la Bielorussia con il pugno di ferro.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE