Beirut, spunta l'ipotesi dell'attacco. Il presidente Aoun: possibile bomba

Bruno Cirelli
Agosto 8, 2020

A confermarlo sarebbero fonti della Farnesina che monitornano la situazione in Libano.

A quanto si apprende dall'ambasciata, la 92enne è morta in casa, probabilmente a causa di un trauma cranico dovuto alla forza d'urto dell'esplosione. Continua ad aggravarsi il bilancio delle vittime, ancora provvisorio, della tragedia avvenuta nel porto di Beirut.

Importanti dichiarazioni questo venerdì del presidente libanese Michel Aoun sull'indagine in corso da parte delle autorità del paese per accertare le cause della devastante deflagrazione che martedì scorso ha cancellato il porto della città con almeno 154 morti e oltre 5 mila feriti. Ma c'è di più perché il presidente ha confessato di aver chiesto al suo omologo francese Emmanuel Macron "le immagini aeree dell'esplosione, se non le hanno, chiederemo ad altri paesi per determinare se si sia trattato di un attacco esterno". "Stavamo girando una sessione fotografica all'aperto, poi abbiamo sentito un'esplosione", ha detto alla Cnn il fotografo Mahmoud Nakib, che con la sua telecamera ha ripreso il momento esatto dell'esplosione. "Non sappiamo quanti minori sono stati uccisi, ma migliaia sono feriti e molti hanno perso le famiglie nel caos".

La scorsa notte decine di dimostranti sono scesi nelle strade protestando contro il governo per denunciare le negligenze in merito alle tremende esplosioni nel porto, giudicate dalla popolazione un simbolo dell'inefficienza della classe dirigente locale.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE