Fca contiene le perdite da Covid

Paterniano Del Favero
Agosto 2, 2020

Infatti a giugno i risultati sono stati in significativo miglioramento e per la seconda parte dell'anno è prevista "una performance forte".

"Il nostro secondo trimestre ha mostrato come le azioni decisive e il contributo straordinario delle nostre persone abbiano consentito a Fca di contenere l'impatto della crisi dovuta al Covid-19". Nonostante tutti questi problemi il numero uno di FCA, l'amministratore delegato Mike Manley ha affermato che i piani vanno avanti e che il suo gruppo anche grazie al prestito garantito dallo Stato italiano ha la forza e la flessibilità per portare a compimento i suoi programmi senza alcuna modifica.

Il dato è stato influenzato negativamente dalla sospensione della produzione e dalla caduta della domanda conseguenti alla pandemia. Le consegne globali complessive di vetture sono calate del 63% a 424mila unità. "Siamo impegnati per fare in modo che sia così". A fine giugno è avvenuto Il lancio commerciale del nuovo Fiat Strada che sta registrando una domanda sostenuta. La 500 elettrica, presentata a marzo, "sarà disponibile negli showroom europei a settembre" e la produzione verrà avviata entro l'anno, il Ducato Bev sarà lanciato in Europa nel quarto trimestre. Sempre nel trimestre, Maserati ha anticipato la presentazione della nuova Ghibli Hybrid con una serie di immagini in attesa dell'anteprima mondiale del veicolo a luglio. Emerge dalle slide che accompagnano la presentazione dei dati del secondo trimestre.

In Nord America, Latam e Apac i nostri impianti sono già tornati ai livelli pre Covid. In Emea produzione tornerà ai livelli precedenti alla pandemia in questo trimestre. Lo ha detto l'ad di Fca Mike Manley durante la conference call sui conti del secondo trimestre.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE