Caso Epstein, "Ghislaine Maxwell partecipava agli abusi"

Bruno Cirelli
Agosto 2, 2020

Ieri Loretta Preska, giudice del Southern District di New York, ha deciso di "desecretare" gli atti del contenzioso che si chiuse nel 2017 con una somma (mai quantificata), versata da Maxwell, come ha poi fatto in tante altre occasioni. "Non mi ha mai detto quali fossero i favori", ha spiegato Guiffre.

GUARDA ANCHE: Ghislaine resta in carcere. E non ho saputo se dicesse sul serio o fosse solo una battuta. La donna ha raccontato di aver vistol'ex presidente degli Stati Uniti sull'isola privata di Epstein nel 2011, accompagnato da "due ragazze giovani" arrivate da New York, senza però accusarlo di aver partecipato ad abusi. Era lei che mi aveva ingaggiata, spiegato che cosa dovessi fare, addestrata a diventare una schiava sessuale.

L'amicizia tra Clinton e Epstein è comunque stata al centro delle discussioni già diverse volte in passato.

Sul jet era costante la presenza di minorenni durante i voli verso l'isola caraibica di Little Saint James, di proprietà di Epstein. Il milionario aveva offerto numerose volte un passaggio sul suo jet privato, soprannominato "Lolita Express". Giuffre ha raccontato che sull'aereo salivano spesso personaggi famosi, inclusi l'ex vicepresidente Al Gore e le modelle Naomi Campbell e Heidi Klum.

In una delle email del 25 gennaio del 2015 "Jeffrey" scrive a una "GMax" evidentemente preoccupata: "Esci e cammina a testa alta, non agire come un criminale in fuga". Tutto dipenderà dalla battaglia legale in corso per cercare di bloccarne la pubblicazione. Nel procedimento giudiziario, la Giuffre accusava la Maxwell di averla attirata con l'inganno, quando era un'adolescente, nella cerchia dell'ex finanziere, offrendole un lavoro come massaggiatrice. Secondo la Giuffre, Epstein e la Maxwell le fecero pressioni affinché avesse rapporti sessuali con ricchi e potenti personaggi, tra i quali il principe Andrea, politici statunitensi e ricchi imprenditori.

Rimangono invece ancora riservati i documenti contenenti le deposizioni della Maxwel, sui quali pende la decisione di un giudice di appello. Faceva parte dell'ampio giro di ragazzine reclutate agli inizi degli anni Duemila da Ghislaine Maxwell, 58 anni, figlia del controverso editore britannico Robert Maxwell.

Se condannata rischia fino a 35 anni di reclusione ed è attualmente detenuta in una prigione federale a Brooklyn in attesa di processo; si è dichiarata non colpevole.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE