Coronavirus, Moderna arriva a ultima fase test per vaccino

Barsaba Taglieri
Luglio 16, 2020

Anche se il vaccino non sarà efficace al 100%, ha spiegato, la comunità scientifica pensa che ci sarà una immunità di gregge se un numero sufficiente di persone verranno vaccinate con una efficacia al 70%-75%.

Il vaccino è progettato per indurre la creazione degli anticorpi neutralizzanti verso la proteina spike del Coronavirus, che viene utilizzata dal virus per legarsi ed entrare alle cellule umane ed infettare gli individui. Ne servono due. Il che aumenta costi e tempi dell'investimento.

Un'autorizzazione speciale, con la quale già a fine anno l'Ema, l'agenzia europea del farmaco, darebbe il via libera alla somministrazione del vaccino alle fasce più esposte della popolazione, anziani in testa, mentre è ancora in corso la fase 3 della sperimentazione. Una procedura eccezionale, che però non implicherebbe pericoli per la popolazione. Effetti collaterali gravi sono esclusi, ma somministrare un vaccino mentre ancora è in corso la sperimentazione può comunque aprire la strada a contenziosi e richieste di risarcimento.

Ora partirà una nuova fase di test che coinvolgerà 300mila persone, un campione abbastanza ampio da permettere agli scienziati di capire se il vaccino sia effettivamente in grado di proteggere dal Coronavirus che sta spaventando il mondo.

E comunque, tanto per il vaccino britannico che per quelli dell'americana Johnson&Johnson e della francese Sanofi, entrambi opzionati dall'Ue, somministrazione e scudo scatteranno soltanto se i risultati in fase già avanzata di sperimentazione saranno buoni.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE