Pineda svela: "Finsi un infortunio per non giocare il 5 maggio 2002"

Rufina Vignone
Luglio 15, 2020

L'ex calciatore ha raccontato di alcuni casi di proposte di corruzione nel calcio italiano: "I primi sei mesi all'Udinese sono stati fantastici e ho fatto molto bene". Ora mi chiedono perché ne sto parlando dopo 20 anni, ma non capisco quale sia la sorpresa. La Juventus, che è un gigante, è stata retrocessa a tempo debito. Tanti hanno subito (i suoi soprusi, ndr). La squadra, all'epoca allenata da Hector Cuper, fu sconfitta all'ultima giornata dalla Lazio per 4-2 allo stadio Olimpico, venendo superata dalla Juventus che vinse contro l'Udinese al Friuli per 2-0.

Il campionato di Serie A 2001-2002 ha regalato un epilogo clamoroso, la vittoria della scudetto della Juventus dopo il successo contro l'Udinese ed il contemporaneo ko dell'Inter contro la Lazio, in quel famoso 5 maggio. La Juventus, invece, doveva vincere a tutti i costi per sperare nello scudetto, visto che l'inter era prima in classifica. Io non volevo fare biscotti e decisi di non giocare. Qualche giorno prima dissi di accusare un dolore muscolare. "Sono sempre stato chiaro". Pineda giocò titolare 15 volte in quel campionato, ma sta di fatto che già in passato l'ex terzino aveva già ricordato con amarezza episodi secondo lui poco chiari, prologo allo scoppio dello scandalo Calciopoli nell'estate 2006: "Se me lo avessero chiesto prima, lo avrei detto senza problemi".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE