La FIA accoglie il reclamo Renault contro Racing Point - FORMULA 1

Rufina Vignone
Luglio 15, 2020

Visti i risultati in pista della Racing Point e la somiglianza della RP20 con la Mercedes dello scorso anno, era inevitabile che prima o poi il team di Silverstone pestasse i piedi alla scuderia sbagliata.

Secondo il tedesco, attuale opinionista della rete satellitare, la Formula 1 dovrebbe promuovere un regolamento di questo tipo, simil MotoGP, visto che la "cessione" dei progetti aiuterebbe le piccole strutture non solo a risultare più competitive, ma anche ad abbassare il tetto massimo del budget. Renault, proprio in tal senso, ha presentato un reclamo alla FIA al termine dell'ultimo Gran Premio di Stiria e si attendono novità in merito nel corso delle prossime settimane.

Né tantomeno, sostengono dalla Renault, la regola che stabilisce che, nel caso in cui parte del design venga condotto esternamente, il progetto non possa essere sviluppato da un concorrente diretto o da chi progetta componenti per un concorrente diretto. Per l'analisi, il collegio dei commissari sportivi ha chiesto a Mercedes di fornire al reparto tecnico della FIA le prese d'aria dei freni anteriori e posteriori della W10. Sul Red Bull Ring, la Racing Point ha piazzato Perez al 6° posto e Stroll al 7°, mentre la Renault ha chiuso ottava con Ricciardo (Ocon ritirato). Ancora non è dato sapere quanto potrebbe durare l'indagine.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE