Coronavirus, sullo stato di emergenza martedi’ il voto in Parlamento

Bruno Cirelli
Luglio 14, 2020

Dal canto suo, Zingaretti ha resto noto attraverso Twitter che il suo partito "è pronto a sostenere qualsiasi scelta del Governo utile a contenere la pandemia". Che questa possa rivelarsi una buona occasione per esprimersi in merito alla questione lo conferma la presidente del Senato: "Essendo comunicazioni è previsto, quindi, un voto su eventuali risoluzioni e non è escluso che sia l'occasione in cui le forze politiche chiedano di esprimersi sull'ipotesi del prolungamento dello stato di emergenza". "Chi nel mondo non lo ha fatto sta pagando un prezzo drammatico".

"L'Italia ha reagito con compostezza anche davanti a una crisi senza precedenti. Ecco è proprio questa la parola chiave: stabilità, soprattutto in una fase così delicata", ha aggiunto il titolare della Farnesina. "Chi imbraccia a sinistra la Costituzione se ne ricordi ed eviti di diventare complice di questo attentato", conclude il deputato azzurro. E ha poi concluso: "L'Italia sta crescendo in Europa, stiamo tornando protagonisti su molti dossier e dobbiamo continuare a lavorare". Per la proroga dello stato d'emergenza, che scade il 31 luglio, è invece necessario non un dpcm ma una delibera in Consiglio dei ministri, su cui il premier Giuseppe Conte riferirà in Parlamento.

"Martedì ci sarà, in Parlamento, un voto su questo", ha detto Casellati a proposito della proroga. Non è in questo clima che si può pensare di far ripartire il Paese tenendolo ostaggio di un premier che pensa di poter arrogarsi pieni poteri.

La giornata di martedì potrebbe essere quella adatta, sono previste infatti alla Camera e al Senato le comunicazioni del ministro della Salute Roberto Speranza sull'emergenza Covid.

Critica l'opposizione sul prolungamento dello stato d'emergenza. Da Palazzo Chigi, tuttavia, già ieri sera avevano precisato che la decisione della proroga dello stato d'emergenza non era stata ancora presa ma che sarebbe stata affrontata "nel debito confronto con il Parlamento".

Il ministro per le Pari Opportunita' e la Famiglia Elena Bonetti (Italia Viva) chiede comunque un cambio di passo rispetto ai primi mesi dell'emergenza: "Abbiamo l'occasione anche grazie all'Unione europea di disegnare un percorso di ripartenza, che sia un'occasione di quello sviluppo che da anni dobbiamo sbloccare - afferma in un forum all'Italpress -".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE