Nuovo Dpcm, i possibili divieti che entreranno in vigore dal 14 luglio

Bruno Cirelli
Luglio 12, 2020

Proroga del divieto di ingresso per chi proviene da alcuni paesi "a rischio" e regole più chiare per evitare gli assembramenti. Ecco le nuove restrizioni a partire dal 14 luglio. Martedì sarà il ministro della Salute Roberto Speranza a illustrare in Parlamento i provvedimenti. Mentre l'estensione dello stato di emergenza, annunciato dal premier Conte e richiesto anche dal Presidente Mattarella, verrà varata a fine mese con una delibera del Consiglio dei Ministri, come prevede la legge 1992/225.

Previsto invece lo stralcio delle norme che prevedeva l'obbligo dei guanti, in quanto secondo le autorità regionali "possono rappresentare un rischio aggiuntivo" se indossati in maniera scorretta. Si dovrà perciò provvedere ad un'igiene accurata delle mani, anche utilizzando disinfettanti a base di alcol. Nei locali pubblici bisognerà lasciare le proprie generalità che saranno conservate per due settimane.

Rimarrà anche il divieto di assembramento.

A quanto pare slitterà la riapertura delle discoteche al chiuso, che dal 14 luglio dovrebbe essere spostata a fine mese. Le Regioni potranno concedere deroghe assumendosene la responsabilità. Saranno quindi intensificati i controlli, in particolare movida, luoghi di vacanza e spiagge dove sarà necessario rispettare il distanziamento tra ombrelloni e sdraio. Gli italiani, che vivono o sono passati in uno di questi Stati, possono rientrare ma devono mettersi in quarantena, vale lo stesso per chi proviene dagli Usa.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE