Lo sfogo dell'infermiere: "Ci risiamo, nuovi ricoveri Covid"

Barsaba Taglieri
Luglio 11, 2020

Da noi ha già dato, ma non sta scritto da nessuna parte che non possa ricominciare a farsi vivo, e, cosa più importante, il virus non lo sa che noi infermieri, medici, oss ed il resto del personale sanitario siamo distrutti da 3 mesi di lavoro intenso, fatto di paura, tensione, preoccupazioni, emozioni intense e continuo contatto con la morte. Comincia così: "Ci risiamo". Non è mia abitudine farmi dei selfie, né tantomeno pubblicarli su Facebook. Col senno di poi è facile parlare, soprattutto da parte di chi non era nei reparti a febbraio, marzo ed aprile. "In reparto abbiamo ricominciato a ricoverare pazienti Covid con gravi insufficienze respiratorie". Ma il Coronavirus non si è dimenticato di fare il suo lavoro, e da bravo virus fa quello che deve: infetta nuovi ospiti per sopravvivere. Niente di più e niente di meno. La maggior parte delle persone ormai pensa al mare, alla montagna, all'aperitivo con gli amici, alla gita del week end.

C'è chi è dalla parte dell'infermiere con messaggi di incoraggiamento, ma c'è anche chi crede che con quel post abbia voluto promuovere in qualche forma se stesso e c'è anche chi lo ha preso in giro. Provate a chiedere e sentite cosa ne pensano. Anche se non siamo più menzionati o glorificati come prima, noi continuiamo a fare del nostro meglio per combattere questa pandemia.

L'ultimo paziente della prima ondata è stato dimesso dall'ospedale di Cremona il 30 giugno scorso.

COVID-19: tornano i pazienti gravi? Sono passati otto giorni. "Non siamo più Covid free, ma poco importa", sottolinea Alini.

La speranza è che "tutto ciò che è stato non si ripeta, ma nessuno ne può avere la certezza, e chi afferma il contrario è un bugiardo clamoroso", aggiunge l'infermiere, che se la prende "con chi non ha la minima cognizione di causa" e si mette "a pontificare". Anche Luca è stato contagiato: "Se sono qui a scrivere significa che sono riuscito a sopravvivere per raccontare, e per noi, a marzo, tutto questo non era per nulla scontato". "Io il Covid l'ho beccato, anche se non ho mai avuto i sintomi - conclude - ma non mi sento affatto tranquillo".

L'infermiere ha scritto il post tre giorni fa, oggi l'azienda sanitaria di Cremona precisa: "Non sono i casi gravi di marzo. Negli ultimi giorni c'è stata una piccola onda di nuovi ingressi". Ma, tiene a ribadire l'ospedale, la terapia intensiva "resta Covid-free", agognato traguardo raggiunto "ormai 5-6 settimane fa".

A fare il punto della situazione è Rosario Canino, direttore sanitario dell'Asst di Cremona. Possiamo definirla una situazione abbastanza tranquilla, attenzionata ma tranquilla. Da venerdì scorso abbiamo avuto dei ricoveri, in tutto parliamo di 10 pazienti, 8 in Malattie infettive e due in Pneumologia. "Ma non sono arrivati tutti in un colpo solo". "Ma speriamo di poterci riavvicinare al più presto". L'invito alle persone è a non abbassare la guardia sulle misure di contenimento dell'infezione: distanziamento fisico, mascherina e lavaggio delle mani.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE