Selvaggia Lucarelli deferita all'Ordine dei giornalisti Lombardia: rende riconoscibile figlio 15enne

Ausiliatrice Cristiano
Luglio 8, 2020

Il figlio di Selvaggia Lucarelli, Leon (16 anni) ha contestato pubblicamente Matteo Salvini. L'episodio è avvenuto all'esterno del centro commerciale Portello, dove Matteo Salvini si trovava per incontrare alcuni cittadini e militanti.

Il 15enne è stato identificato dalla polizia e sbattuto su tutte la pagine social del partito leghista dopo aver osato contestare il padano dicendogli educatamente: "Volevo ringraziarla per il suo governo omofobo e razzista".

Selvaggia Lucarelli avrebbe violato la carta di Treviso avendo permesso il riconoscimento di un minore (suo figlio) a mezzo stampa. E poco prima la stessa Lucarelli era stata contestata da alcuni militanti per aver chiesto a Salvini come mai non indossasse la mascherina.

La giornalista e opinionista di "Ballando con le stelle" Selvaggia Lucarelli sarebbe stata deferita dal consiglio dell'Ordine Lombardo dei giornalisti al consiglio di disciplina territoriale.

E dato che si è giornalisti quando si è iscritti all'albo e non solo quando si scrive, pare curioso che l'Ordine non veda problemi con l'altro protagonista della vicenda, ossia quel padano che è tristemente noto per la costante esposizione mediatica dei suoi figli: contro di lui tutto tace, persino quando diede il via a molteplici gogne mediatiche contro i minorenni che lo contestavano.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Non solo: secondo il Testo unico dei doveri del giornalista, un giornalista rimane tale in ogni ambito della propria esistenza, ed è pertanto tenuto a rispettare le norme del Testo in ogni situazione e contesto, anche se coinvolto personalmente.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE