Fonseca dopo Napoli-Roma: "Reazione positiva. La società? Non cerco alibi"

Rufina Vignone
Luglio 6, 2020

Si è da poco conclusa la sfida al San Paolo, terminata 2-1 in favore della squadra di Gennaro Gattuso. "La partita è stata decisa da episodi". La squadra deve essere più sicura in difesa. È entrato in un momento difficile, ma ha provato ad aiutare la squadra.

Qual è il problema della Roma?

"Non credo che oggi abbiamo concesso molto al Napoli, non hanno creato molte occasioni da gol. Loro hanno attaccato di più, ma glielo abbiamo lasciato fare per provare a ripartire".

Rivedremo la difesa a 3 anche quando dovremo fare la partita?

Giocare con una linea a tre non è un segnale di giocare difensivamente. In Italia ci sono squadre molto forti, che sono in alto in classifica e giocano così.

La strada per il futuro?

"In questo momento è importante non cambiare molto. Se la squadra ha fatto bene non bisogna cambiare molto per la prossima partita".

Paulo Fonseca, allenatore della Roma, dopo la sconfitta rimediata sul campo del Napoli è intervenuto al microfono di Sky Sport: "Abbiamo fatto molte cose positive, l'atteggiamento è stato buono rispetto alle ultime due sconfitte". E' vero non abbiamo vinto, ma sono più fiducioso oggi che dopo la partita contro l'Udinese.

Come sta vivendo le tensioni societarie? "Abbiamo disputato una partita diversa, devo essere il primo a mantenere gli equilibri".

"Non possiamo dimenticare che abbiamo giocato solo due giorni fa, abbiamo giocato per tanto tempo con pochi giocatori, Perez non era al meglio". Non voglio cambiare molto, se vogliamo stabilità serve mantenere la base.

Ci abbiamo lavorato e pensavo che oggi si potesse giocare con la difesa a tre.

Non crede che tutto questo turnover possa far male alla squadra? Se la squadra ha fatto bene è importante che gli stessi giocatori giochino più gare per recuperare quanto prima la condizione ideale.

"Abbiamo grandi leader nello spogliatoio tra Dzeko, Pellegrini, Kolarov, Perotti". Non è un problema e dopo queste due sconfitte abbiamo parlato: vogliamo tornare ad essere la squadra che ha giocato tante buone partite.

Difesa a tre? Perché ha cambiato modulo?

Troppi esperimenti? "Abbiamo giocato diversamente dietro, ma davanti non abbiamo cambiato molto". Abbiamo sempre preparato la marcatura preventiva con quattro giocatori, penso che abbiamo fatto bene. Penso che abbiamo giocato bene, anche non vincendo, ma giocando così con questo atteggiamento vinceremo sicuramente in futuro. "Resto fiducioso, se abbiamo l'atteggiamento giusto possiamo vincere qualche partita".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE