Ennio Morricone, è morto il grande compositore

Ausiliatrice Cristiano
Luglio 6, 2020

Ennio Morricone era nato a Roma nel 1928, aveva studiato al Conservatorio "Santa Cecilia" e ha scritto le musiche per più di 500 film e serie TV. Nel suddetto comunicato è stato annunciato che i funerali di Ennio Morricone si terranno in forma privata nel rispetto della sua umiltà. La sua carriera include un'ampia gamma di generi compositivi, che hanno fatto di lui uno dei più influenti compositori di colonne sonore di tutti i tempi. Il maestro, che avrebbe compiuto 92 anni a novembre, è morto per le conseguenze di una caduta nei giorni scorsi e la rottura del femore.

Ennio Morricone lascia un'eredità culturale unica all'interno della storia della musica italiana, un patrimonio economico che verrà suddiviso tra gli eredi come la moglie Maria Trivia, sposata nel 1956, e i quattro figli nati dalla coppia: Andrea (musicista, unico ad aver seguito le orme del padre), Alessandra, Marco e Giovanni Morricone. Tra i tanti film musicati anche Nuovo Cinema Paradiso di Giuseppe Tornatore e Novecento di Bernardo Bertolucci. Proseguita anche con altri film come "Malèna".

Secondo quanto riporta l'Ansa, il grande compositore si è spento nella sua casa, all'alba del 6 luglio e, ad annunciarlo è stata la famiglia tramite il legale Giorgio Assumma. La seduta fu straordinaria anche per la sede nella quale si svolse, vale a dire Villa Cattolica, sede del museo permanente dedicato a Renato Guttuso, che ospita all'esterno la tomba del grande pittore siciliano. La prima colonna sonora che Morricone scrisse per Sergio Leone fu nel 1964, per il film "Per un pugno di dollari".

IL SALUTO DURANTE IL LOCKDOWN - A gennaio ha ricevuto in Senato il premio alla carriera dalla presidente Casellati. E con la bacchetta in mano, davanti alla sua orchestra, Morricone rivelava ogni volta la sua duttilità da camaleonte: compositore contemporaneo, creatore di epopee per il più vasto pubblico, nostalgico cantore di emozioni segrete.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE