Ue, tutti i nodi da sciogliere sulla Presidenza tedesca del Consiglio

Bruno Cirelli
Luglio 3, 2020

Sono molto alte le aspettative che ricadono adesso sulla cancelliera Angela Merkel.

"Stiamo vivendo un momento serio - ha osservato Merkel -".

Macron ha anche sottolineato che l'intesa sul piano economico di rilancio dei Paesi europei più colpiti dalla pandemia e sul bilancio pluriennale dell'Ue deve arrivare entro luglio.

La Germania vuole fare da "motore e moderatore": "costruiremo ponti", ha promesso il suo ministro degli Esteri, il socialdemocratico Heiko Maas, che ha preso il testimone dal collega croato Gordan Grlic Radman: simbolicamente è accaduto alla Porta di Brandeburgo, illuminata per l'Europa.

Lo scoglio, come è ormai noto da settimane, è rappresentato da quei tre o quattro Paesi cosiddetti "frugali", Olanda e Austria in testa, che ancora non vogliono accettare un'equa ripartizione fra prestiti e finanziamenti a fondo perduto, e la creazione di un'Europa che sia davvero "solidale", come peraltro ribadito dalla stessa cancelliera a più riprese: "Il Fondo europeo è uno strumento doveroso e urgente in questo momento".

Infine, altri temi che la presidenza tedesca ha buttato sul tavolo sono: la Conferenza sul futuro dell'Europa, che resta per ora molto vaga, ma che nella migliore delle ipotesi potrebbe portare a una riapertura dei trattati Ue per discutere alcune nuove competenze comunitarie, per esempio in campo sanitario; le nuove proposte della Commissione sul "Green Deal" e in particolare quelle su clima ed energia; l'avvio dei negoziati di adesione con la Macedonia del Nord e l'Albania e i rapporti commerciali e geopolitici con la Cina e con gli Stati Uniti, dove in autunno le elezioni presidenziali potrebbero provocare cambiamenti rilevanti.

Con Giuseppe Conte il dialogo è costante, anche martedì si sono sentiti al telefono, e il nodo Mes non ha guastato le ottime relazioni con Roma. Per affrontare la crisi più grave della sua storia, l'Europa conta su un gruppo di donne.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE