La F.1 riparte dall’Austria. Binotto "Ma la vera Ferrari in Ungheria"

Rufina Vignone
Luglio 2, 2020

É stato lo stesso team principal Mattia Binotto a darne l'annuncio, motivandolo con la necessità di apportare "un importante cambio di direzione" al programma iniziale. "Siamo molto concentrati perché vogliamo fare bene", ha concluso il dirigente. Ma ammette che probabilmente "sarà anche stancante visto che per esempio non sappiamo se potremo fare ritorno a casa tra un Gran Premio e l'altro, ma alla fine mi mancava tantissimo tornare a correre che la cosa mi va comunque bene". Qualche indicazione su dove saremo rispetto a noi stessi l'avremo al termine delle libere di venerdì, ma un primo verdetto ci sarà soltanto il sabato dopo le qualifiche.

Quanto alle previsioni sulla gara, il 4 volte campione del mondo mette le mani avanti: "dobbiamo essere realisti pensando ai valori in campo espressi dai test, ma non per questo partiamo sconfitti". E sul Mondiale Binotto aggiunge: "Sarà sicuramente una stagione particolare e diversa. Io lavoro sempre per la squadra, ma è anche uno sport individuale". La Ferrari ha avuto l'opportunità di girare con una SF71H sul suo impianto martedì scorso per allenare i piloti, Charles Leclerc e Sebastian Vettel, dopo la lunga sosta dovuta al lockdown, ma l'opportunità è stata ghiotta per provare i protocolli di sicurezza anti-virus che entreranno in azione al Red Bull Ring e per raccogliere dei dati del tracciato. Ma di sicuro se la situazione si dovesse presentare, al di là del fatto che lascerò il team, si lavorerà per la squadra - ha detto -.

Il monegasco cercherà invece di diventare subito la prima guida ma è consapevole della delicatezza del contesto e infatti tiene il profilo basso, "è stata una grande opportunità correre con Seb e ho imparato molto da lui, dal modo in cui lavora e dalla sua esperienza".

Sull'altra Alfa Romeo ci sarà il 27enne Antonio Giovinazzi, unico pilota italiano del circus, alla sua seconda stagione da titolare.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE