Stop hater dai social , la Coca Cola toglie le pubblicità da facebook

Paterniano Del Favero
Giugno 30, 2020

L'azienda ha tuttavia spiegato che ciò non significa che la Coca Cola si unisca al movimento lanciato la settimana scorsa da alcune assciazioni, #SopHateForProfit, per ottenere una regolamentazione più stringente dei messaggi che incitano all'odio, al razzismo o alla violenza.

La Coca Cola ha reso noto di essersi unita alla campagna Stop Hate for Profit (Stop all'odio per profitto) per il boicottaggio di Facebook, Instagram, YouTube, Twitter e degli altri social media. "Coca Cola Company sospenderà la pubblicità a pagamento su tutte le piattaforme social a livello globale per almeno 30 giorni", è l'annuncio fatto in un comunicato da James Quincey, Chairman and CEO of The Coca-Cola Company.

All'inizio erano solo piccole imprese, decine di aziende locali, una galassia di inserzionisti delusi da un mondo dei social troppo timido nel denunciare e combattere odio e razzismo all'interno delle proprie piattaforme.

Naturalmente, la vibrante - e potenzialmente pericolosa per le casse di Facebook - protesta non è rimasta senza risposta da parte del colosso social. "Investiamo miliardi di dollari ogni anno per mantenere la nostra comunità sicura e lavoriamo costantemente con esperti esterni per rivedere e aggiornare le nostre policy. Sappiamo -conclude il portavoce di Fb- di avere ancora molto lavoro da fare e continueremo a collaborare con i gruppi per i diritti civili, il Garm e altri esperti per sviluppare ancora più strumenti, tecnologie e policy per continuare questa lotta". E secondo il Bloomberg Billionaires Index, con il calo di 56 miliardi di dollari del valore di mercato di Facebook il patrimonio del suo fondatore e' sceso a 82,3 miliardi di dollari.

Facebook ha annunciato che inizierà a segnalare i post dei politici che violano le regole del social.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE