Pagamento in contanti, si abbassa il limite dal 1 luglio 2020

Paterniano Del Favero
Giugno 30, 2020

Dal primo luglio stop ai pagamenti in contanti superiori ai 1999,99 euro, ma secondo Unimpresa il limite è facilmente aggirabile con il trucco dei pagamenti frazionati. "Il valore del bonus è pari al 30% delle commissioni sulle operazioni con carte (di credito, debito o prepagate) o altri strumenti di pagamento elettronici tracciabili, nei confronti di consumatori finali (persone fisiche che agiscono per scopi estranei all'attività eventualmente svolta)". Per i pagamenti in contanti oltre i 250mila euro le sanzioni aumentano da un minimo di 15mila ad un massimo di 250mila euro. Quest'ultimo passerà dagli attuali 3000 euro a 2000 euro.

I furbetti dei pagamenti verranno puniti: multe salate dai 3.000 ai 50.000 euro, a seconda dell'infrazione, per chi non rispetterà le disposizioni imposte dal Governo.

Una nuova stretta arriverà poi a partire dal 1° gennaio del 2022, con una riduzione ulteriore del limite al pagamento in contanti, che si abbasserà fino a quota 1000 euro (livello disposto nel 2011 dal decreto Salva Italia del Governo Monti e poi innalzato nuovamente nel 2016 quando Matteo Renzi era Presidente del consiglio).

Pagamento in contanti, si abbassa il limite dal 1 luglio 2020

Prelievo e versamento di contanti, nuovi limiti dal 1 luglio?

Le sanzioni per i pagamenti in contanti vengono commisurate all'effettivo importo della violazione commessa e variano da un minimo di 2mila euro a un massimo di 50mila euro.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE